Barriere Architettoniche, Sabaudia: mancano gli accessi ma il giudice non decide

È assurdo quello che sta succedendo da ormai incalcolabile tempo a Sabaudia. Le spiagge non sono attrezzate per le persone disabili che non possono accedere agli stabilimenti. Tra i tanti casi, c’è quello di Fabrizio, che da oltre vent’anni non accede ad un lido, senza poter godere di quei bei momenti familiari con moglie e figli. Un iter giudiziario senza fine, che da oltre tre anni non vede nessun traguardo. È ancora tutto fermo, nonostante il giudice avesse annunciato verso la fine di febbraio di quest’anno che il procedimento potesse andare a sentenza.

Il problema è che l’estate è arrivata e si rischia di lasciare per un altro anno le persone disabili lontane dagli stabilimenti balneari. Non basta, naturalmente, la semplice passerella promessa dal comune, c’è bisogno di servizi accessibili e ancor di più, prevedere la possibilità di far entrare in acqua le persone con una disabilità.

Nel 2017, in una nota località di mare come quella di Sabaudia è incredibile come non sia possibile per una persona disabile poter passare una giornata al mare. Eppure si è solo in attesa della decisione di un giudice, senza la quale non si potrà fare praticamente nulla.