Rossano vuole più accessibilità

Rossano vuole più accessibilità

La mobilitazione sul tema delle barriere architettoniche arriva da Rossano, città calabrese di 40mila abitanti che chiede un centro urbano accessibile a tutti. Le barriere architettoniche presenti in città sono molte e i lavori da fare altrettanti, ma da qualcosa bisogna pur partire. Discese dai marciapiedi, ovviare ai percorsi ad ostacoli creati senza pensare ad anziani e disabili che spesso per raggiungere un luogo devono fare dei giri insensati.

Tutto questo mosso dalla volontà di tanti cittadini che vogliono una città modello. Per averla però bisogna anche lavorare sull’aspetto educativo della questione. Quante volte, infatti, facciamo i conti con parcheggi selvaggi che da soli rendono difficile l’accessibilità ai luoghi pubblici. E questo è solo uno dei tanti esempi che possiamo fare per migliorare la situazione delle barriere architettoniche, incentivate da comportamenti negativi dei cittadini.

Un’azione di sensibilizzazione, dunque, deve accompagnare la pratica burocratica dei lavori. Le due cose devono andare di pari passo, ma non sono due linee parallele che non si incontrano mai, l’una è complementare all’altre e solo la loro unione renderà veramente accessibile a tutti la città di Rossano. Un grande esempio quello dei cittadini calabresi, da seguire e da trasmettere a molti comuni ancora immobili sulla questione delle barriere architettoniche.